La libertà di viaggiare soli

0 Comments


“ La vita è un viaggio, e chi viaggia vive due volte”.

La splendida citazione di Omar Khayyam racchiude in se l’essenza stessa del viaggiare. Aprire la propria mente e la propria anima a qualcosa di nuovo, inaspettato; scoprire ( o riscoprire) sé stessi in altri luoghi e dimensioni.

Se è vero che viaggiare è come vivere, allora nulla toglie che si possa viaggiare da soli, cosi come si può vivere da soli. Viaggiare da soli, infatti, a volte non è solo un’esigenza, ma una vera e propria scelta.

Sempre più persone decidono di partire per un viaggio da soli. Ma quali sono i motivi che spingono a farlo, quali sono i benefici che si riscontrano?

Perché sempre più persone intraprendono un viaggio da sole

Le ragioni che possono spingere qualcuno ad intraprendere un viaggio da solo sono diverse, e ovviamente cambiano da persona a persona: c’è chi lo fa per ritrovare sé stesso, chi per prendersi una pausa dalla propria quotidianità, chi perché preferisce godersi liberamente l’esperienza del viaggio senza l’ansia di dover pianificare spostamenti di gruppo, chi per abitudine, e, infine, chi perché non vuole adattarsi ai ritmi e alle abitudini di altri.

Non è possibile individuare in modo oggettivo le ragioni che spingono le persone a varcare i confini del proprio territorio in solitaria. In fin dei conti il viaggio è un’esigenza, una spinta che parte dal nostro essere più profondo e di cui poco si può analizzare.

Se da un lato non è possibile indagare le ragioni di questa scelta cosi personale, dall’altro è possibile stabilire i benefici che se ne ricavano. Secondo un recente studio, infatti, viaggiare da soli fortifica l’autostima e la capacità di apprendimento. Inoltre i pensieri diventano più flessibili e la mente più libera. La professoressa Costanza Bianchi, Queensland University of Technology, sostiene “Viaggiare da soli aiuta le persone ad aumentare la sensazione di avere maggiore controllo sulle proprie vite e sulle proprie azioni. Non solo. Viaggiare da soli stimola anche la riflessione e aiuta nella scoperta di sé”.

I nostri consigli

Non è da tutti avere il coraggio per affrontare una tale avventura. Ai tanti che vogliono provare questa esperienza, per la prima volta, desideriamo offrire dei consigli. Ecco quello che gli esperti in viaggi solitari consigliano:

  • Il primo fondamentale consiglio è non avere paura! L’esperienza potrà in primo momento arrecare un po’ di ansia, ma non lasciate che la preoccupazione abbia la meglio su di voi;

  • Prima di partire per la meta prescelta, sarebbe opportuno raccogliere tutte le informazioni necessarie sul luogo che si intende visitare, compresi gli aspetti tradizionali;

  • Programmare un itinerario di viaggio: organizzare il tempo a disposizione, identificare i luoghi da visitare permetterà di ottimizzare i tempi del viaggio e non ritrovarsi a perdere tempo prezioso;

  • Se si intende visitare un paese straniero, sarebbe opportuno conoscere ( o imparare) le parole chiavi per comunicare, o quanto meno farsi comprendere in caso di necessità.

L’elenco è ovviamente esemplificativo ma non importa: quello che conta è il viaggio!

Dunque zaini in spalla e provateci almeno una volta nella vostra vita.

Se qualcuno di voi ha avuto esperienze in merito, commentate l’articolo, diteci la vostra!

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *