5 Cose da Visitare a Ferrara

Ferrara: comunemente denominata “città delle Biciclette”, questa definizione lascia subito immaginare una città sgombra dalle auto. Il centro città non è cambiato poi molto da quando Regnavano i D’Este, famiglia con una particolare predilezione per l’arte e le cose belle. Non amati particolarmente dalla popolazione per difendersi furono costretti a costruire il Castello D’Este oggi divenuto la principale attrazione Turistica della città.
Durante gli anni la Famiglia ha fatto realizzare anche il Palazzo dei Diamanti costruzione che oggi ospita grandi mostre d’arte. Ferrara è dunque una città ricca di cose da vedere.
Di seguito vi proponiamo 5 strutture da visitare.

Castello_Estense_ferrara

1) Castello D’Este: Sicuramente visto in Fotografia il castello ha visto posare la sua prima pietra dal Marchese Nicola II, che fu costretto a costruire la fortezza per via delle rivolte della popolazione. il castello nel corso degli anni ha ospitato tra le mura di cinta anche la scuderia, l’armeria e le officine del piccolo esercito di difesa.
nella visita guidata è possibile ammirare la cucina le prigioni e la cappella della chiesa di corte.

2) Cattedrale: la cattedrale dedicata a San Giorgio è sito di fronte al palazzo del comune e a pochi passi dal castello. La struttura Ha una immensa facciata in marmo bianco , l’interno della cattedrale è composto da tre navate ricostruito in stile barocco dopo l’incendio del XVII secolo.
con una visita guidata è possibile ammirare il museo della Cattedrale nel quale è possibile ammirare la Madonna della melagrana e le eleganti opere di Filippo Solari.

3) Palazzo dei Diamanti: Non è difficile immaginare il perchè del nome, formato da 8500 blocchi di marmo bianco striato rosa. il palazzo rappresentò l’opera centrale della “addizione Erculea”. all’interno presenta un vasto cortile rinascimentale con il chiostro ed un bellissimo pozzo. il palazzo oggi ospita mostre di arte moderna e contemporanea.al primo piano è presente la pinacoteca nazionale di Ferrara che custodisce opere di inestimabile valore.

4) palazzo Schifanoia: il palazzo fatto costruire da Alberto V come luogo di ozio nel qual schivar la noia. a donare l’aspetto odierno al palazzo , che presenta un salone ducale con la presenza di un ciclo di affreschi, fù Borso D’Este.
A causa del terremoto dell’emilia nel 2012 attualmente no sono visitabili la sala degli stucchi e il salone dei Mesi.

5)Monastero di Sant’Antonio in Polesine: Se visitato di prima mattina o alle 15 è possibile ascoltar cantare la messa le Monache di Clausura, suonando il campanello è possibile far visita all’intero monastero e far visita alla cappella nel quale sono custoditi i resti di Beatrice D’Este fondatrice del monastero.

 

Lascia un commento